D'Errico, CC (Monza, definitivo)
Cheddira, P (Parma, prestito)
Belli, TD (Pisa, definitivo)
Mazzotta, TS (Crotone, definitivo)
Botta, Trq (Sambenedettese, definitivo)
Polverino, Por (S.Maria Cilento, definitivo)
Terranova, DC (Cremonese, prestito)
Mallamo, CC (Atalanta, prestito)
Ricci, TS (Parma, definitivo)
Paponi, P (Padova, definitivo)
Gigliotti, DC (svincolato, definitivo)
Pucino, TD (svincolato, definitivo)
Di Gennaro, CC (svincolato, definitivo)
  D'Orazio, TS (Ascoli, definitivo)
Ciofani, TD (Modena, definitivo)
Neglia, AS (Reggiana, definitivo)
Berra, TD (Pisa, definitivo)
Liso, Por (Gravina, prestito)
Stasi, CD (Picerno, prestito)
Corsinelli, CD (Lucchese, definitivo)
Nannini, TS (Lucchese, definitivo)
Hamlili, CC (Monopoli, definitivo)
Mercurio, Trq (Napoli, prestito)
Sabbione, DC (Pordenone, definitivo)
Terrani, AS (Padova, definitivo)
Perrotta, DC (Palermo, prestito)
 
 

Daniele Di Donato, tecnico del Latina, ai canali ufficiali ha commentato la sconfitta contro il Bari: "Nel momento migliore nostro abbiamo subìto gol su un nostro errore. Dovevamo essere più attenti e cattivi su quell'uscita, non puoi lasciare certi spazi a un Bari che ha capitalizzato tutte le occasioni che ha avuto. Sapevamo che non dovevamo sbagliare niente, il Bari non è per caso in testa alla classifica. Abbiam comunque sfiorato il 2-2 col miracolo di Frattali e alla fine sul contropiede abbiam preso il 3-1. Abbiam fatto la partita che dovevamo fare, abbiam chiuso gli spazi, il Bari ha fatto fatica ma ha giocatori importanti e di qualità che appena possono ti puniscono".

TuttoC.com

Antonio Mazzotta, terzino del Bari, dice la sua sulla vittoria conquistata contro il Latina. Queste le sue parole in mixed zone:

LA VITTORIA – “Ha un valore come tutte le altre partite vinte, abbiamo tre punti in più. Da domani testa all’Avellino, sarà una partita molto impegnativa. Tireremo le somme a fine anno, ogni partita per noi deve essere come una finale”.

LA CONCORRENZA – “Durante gli allenamenti dobbiamo dare tutti il 100% perché sappiamo che il mister ci fa ruotare. Dobbiamo farci trovare pronti”.

COSA CHIEDE MIGNANI AI TERZINI – “Dobbiamo accompagnare l’azione per dare ampiezza. Il mister ci chiede di dare ampiezza e di spingere quando è possibile”.

LE SUE CONDIZIONI – “Infortunio? Spero che sia solo un affaticamento, me lo porto dietro da qualche settimana. All’inizio ho faticato a trovare condizione visto che nello scorso anno ho giocato appena due partite in stagione, adesso sto bene”.

GLI ERRORI – “Abbiamo sbagliato tanto in fase di impostazione, abbiamo preso troppi contropiedi da nostri errori. Si è rischiato più volte di prendere gol”.

LE AVVERSARIE – “Diamo un’occhiata a tutti, dal Palermo al Catanzaro e al Monopoli. Ma a parte tutto dobbiamo pensare solo a noi stessi, alla fine vedremo se sarà bastato”.

IL BARI DI MIGNANI – “Il Bari che vuole lui in alcune partite si è visto. Bisogna trovare continuità nelle prestazioni, ma ogni partita è diversa a seconda dell’avversario. In primis, però, conta la continuità nei risultati, poi il bel gioco arriverà”.

Labaricalcio

Michele Mignani, allenatore del Bari, commenta in mixed zone il successo conquistato sul Latina. Queste le sue dichiarazioni:

LA VITTORIA – “Io penso che a volte si danno per scontate tante cose, di scontato non c’è nulla. Abbiamo trovato il Latina nel suo miglior momento, si vedeva che era spensierato. La cosa che mi è piaciuta meno è che in alcune circostanze abbiamo perso equilibrio con troppa facilità. Nel primo tempo ci è andata bene, nel secondo no. Su questo dobbiamo lavorare, dobbiamo migliorare. Per il resto la partita è stata fatta bene, non è mai facile vincere”.

GLI ERRORI – “Abbiamo preso due ripartenze che non dovevamo prendere. Nel secondo tempo eravamo messi meglio quando abbiamo preso gol, anche se voglio rivederlo. Abbiamo sbagliato sì, ma la squadra sta crescendo sotto l’aspetto del palleggio. Quando trovi squadre che si chiudono e lo fanno con una certa organizzazione come il Latina diventa difficile trovare spazi. Dobbiamo non avere paura nel gestire il pallone. Avevo chiesto alle mezzali di non alzarsi troppo. Lo spirito è stato quello giusto, l’approccio alla partita è stato quello giusto”.

PAPONI – “La maggior parte dei gol vengono fuori o su errori degli avversari o su giocate individuali. E’ stato bravo Botta, Paponi quel movimento ce l’ha: ha fatto un grande gol. Abbiamo proprio necessità ogni tanto di aprire qualcuno lì in avanti, oggi l’ha fatto Paponi nell’assist per Antenucci. Abbiamo tanti attaccanti, cerchiamo di sfruttare i momenti di ciascuno”.

I CAMBI – “Con l’ingresso di Marras ho fatto un qualcosa di diverso, alzando un po’ Botta per dargli meno compiti difensivi e chiedendo allo stesso Marras di dare una mano al centrocampo. L’idea era quella di sfruttare gli spazi che si sarebbero creati”.

DICEMBRE NON DECISIVO – “Non vedo l’ora di giocare le partite, per me è una bella sfida. Non vedo l’ora che arrivi la prossima. Il campionato è lungo, il mese di dicembre è importante ma non decisivo”.

LA CONFERMA DELL’11 DI ANDRIA – “Avevo nella testa la buona prestazione di Andria, i ragazzi stavano bene e ho scelto di confermarli tutti”.

Labaricalcio

Ruben Botta, trequartista del Bari, analizza in questi termini il successo sul Latina: “Sappiamo che dovevamo vincere, sappiamo che è una vittoria importante. Loro hanno trovato il gol subito a inizio secondo tempo, noi siamo stati bravi a reagire subito”.

Poi, sulla sua utilità nei meccanismi di squadra: “Tante volte corro tanto, il mister mi chiede di dare una mano in tal senso. Se uno non corre, diventa dura”.

Labaricalcio

Sofferta, sporca ma comunque importante: il Bari batte 3-1 il Latina al San Nicola e centra la terza vittoria consecutiva in campionato. Biancorossi avanti nel primo tempo con Antenucci, pareggio ospite a inizio ripresa con Di Livio, prima delle reti di Paponi e Marras per fissare il finale. I galletti di Mignani salgono così al 36 punti, confermandosi in vetta alla classifica; stasera toccherà al Monopoli rispondere, mentre Palermo e Turris scenderanno in campo domani con la pressione di non poter sbagliare sulle spalle.

Mignani conferma in blocco la formazione che la settimana scorsa ha battuto la Fidelis Andria. Frattali in porta, Pucino-Celiento-Terranova-Mazzotta in difesa, Scavone-Maita-D'Errico in mediana, Botta alle spalle della coppia Paponi-Antenucci. Mister Di Donato risponde schierando il suo Latina con il 3-5-2, comandato in avanti da Sane e Carletti.

Fasi di studio in avvio di partita, che si accende al 20' con il tiro di poco alto di Ercolano. Risposta Bari al 25': il destro di Maita è respinto in angolo da Cardinali. I biancorossi prendono campo e fiducia, e al 32' passano: cross basso di Paponi su cui Cardinali interviene male lasciandola lì per Antenucci, che da due passi realizza il più facile dei goal. Al 41' si rivede il Latina con la bomba di Carissoni da fuori; Frattali respinge. L'ultimo squillo del primo tempo è ancora biancorosso: destro di D'Errico dal limite, palla che lambisce il palo e finisce fuori.

L'inizio di ripresa è shock per il Bari: al 4' Carletti parte in contropiede e serve a sinistra Di Livio, che con il mancino incrociato non lascia scampo a Frattali. I biancorossi però si ricompattano subito e al 10' rimettono il naso avanti: sterzata di Botta su Carissoni, cross in mezzo dove Paponi è pronto a convertire in rete con uno spettacolare tuffo di testa. La tegola arriva al 12' quando Terranova falcia Carletti e si becca l'ammonizione; era diffidato, salterà la sfida di Avellino come Scavone (ammonito al 21'). Al 16' è Frattali a salire in cattedra, respingendo la conclusione di Carissoni. Mignani si copre: dentro Marras e Mallamo, fuori Paponi e Scavone, poi Ricci e Bianco per Mazzotta e D'Errico. Il Latina crea ma non arriva mai al tiro, e allora il Bari punisce in contropiede: al 44' Maita recupera palla e apre a destra per Marras, che trova il diagonale mancino e firma il tris biancorosso che chiude la partita. Nel recupero c'è solo il tempo per la standing ovation tributata ad Antenucci al momento del cambio con Belli; al fischio finale è festa Bari, che centra la terza vittoria consecutiva in campionato.

Riccardo Resta
BariViva.it

Slider