D. Marfella (Por, 1999)
A. Bellussi (Por, 1998)
R. Maurantonio (Por, 1981)
N. Turi (TD, 1998)
N. Aloisi 
(TD, 1999)
E. Bianchi (DC, 1999)
L. Cacioli (DC, 1982)
V. Di Cesare (DC, 1983)
G. Mattera (DC, 1983)
G. Quagliata (TS, 2000)
C. Nannini (TS, 1999)
A. Feola (M, 1992)
Z. Hamlili  (M, 1991)
F. Bolzoni 
(CC, 1989)
A. Mutti (CC, 2000)
E. Piovanello (CC, 2000)
C. Langella  (CS, 2000)
F. Brienza (Trq, 1979)
L. Liguori (AD, 1998)
P. Iadaresta (PC, 1986)
D. Pozzebon (PC, 1988)
S. Simeri (PC, 1993)
R. Floriano (AS, 1986)
S. Neglia (AS, 1991)

Grande soddisfazione in casa Palmese dopo il pareggio a reti inviolate contro il Bari. A fine match è intervenuto il tecnico dei neroverdi, Ivan Franceschini: "Siamo molto contenti, abbiamo fatto un'ottima partita soprattutto in fase difensiva. Abbiamo rischiato veramente poco eccetto una parata del nostro portiere su azione d'angolo e il gol annullato. Nel finale Marfella ha fatto una bella parata, abbiamo provato anche a vincerla ma va bene così. Orgoglioso di quanto fatto dai ragazzi, siamo andati anche oltre i nostri limiti. Abbiamo anche palleggiato bene, non buttando la palla e mostrando personalità. Siamo riusciti a mettere in difficoltà e a limitare il Bari. Ci manca qualche punto per la salvezza ma giocando così arriveranno". 

UsPalmese

Sino al termine del campionato, il Bari dovra' affrontare altre due trasferte tra Sicilia e Calabria,il 18 aprile a Troina ed il 5 maggio a Roccella Ionica. Per arrivarci in auto, i tifosi biancorossi dovranno necessariamente percorrere le strade della provincia di Taranto, diventate ormai per loro, un rischio. E infatti dopo l'aggressione subita sulla statale 106 di ritorno dalla trasferta di Cittanova, ieri si sono ripetuti incidenti a Chiatona, dove alcuni pullman che trasportavano tifosi biancorossi di ritorno da Palmi sono stati presi a sassate. Per fortuna non si lamentano danni alle persone, ma solo ai mezzi.

norbaonline.it

Lucida anche l'analisi di Bolzoni, fra i migliori in campo nonostante l'assenza per squalifica del suo partner di centrocampo: «Quando non fanno goal quasi sempre difensori e centrocampisti sono i migliori. Ci prendiamo buono questo punto, speriamo di chiuderla alla svelta ma calcoli non ne facciamo - dice l'esperto mediano. Senza Hamlili devo stare più attento io; Langella ha 18 anni, magari fra un paio d'anni sarà pronto per un centrocampo a 2. Con Hamlili mi trovo benissimo, ma oggi non c'era».

L'aspetto più rilevante di una gara nel complesso sottotono è come il Bari abbia iniziato a spingere sull'acceleratore dopo essere rimasto in 10: «Brienza non era al meglio, ma a livello qualitativo è sempre il top - continua Bolzoni. Abbiamo finito il primo tempo senza soffrire con più densità in mezzo al campo. avevamo bisogno di una scossa, il rosso di Quagliata lo è stata. Da fuori le partite sembrano più facili, ma in campo le motivazioni degli avversari crescono. Il mister lavorerà su questa cosa, ci farà nascere dei dubbi».

Merito comunque alla Palmese, che si è confermata squadra dalla grande solidità: «Anche all'andata avevano fatto bene, sapevamo che sarebbe stata difficile su un campo più stretto - la lettura di Bolzoni. Non siamo riusciti a fare il primo tempo che volevamo, poi nella ripresa è andata meglio. Avevamo la sensazione di poter vincere anche in 10».

Polemico il centrocampista, invece, sull'arbitraggio del signor Frascaro di Firenze: «In occasione del goal annullato abbiamo fatto un blocco, come sempre. L'arbitro ha fischiato solo quel fallo, la prossima volta andrà meglio. Simeri all'arbitro non ha detto nulla di offensivo; sono 30 giornate che va così. Dispiace, siamo stati un po' stupidi e sfortunati. Non condanno nessuno, l'adrenalina fa fare cose sbagliate. Sta al direttore di gara limitare i danni. Riguarderò la partita e saprò leggerla meglio. Dal campo molte decisioni sembrano sbagliate, anche se aveva fatto una buona prestazione prima del rosso a Quagliata. Non è per demerito suo se abbiamo pareggiato», conclude Bolzoni.

Riccardo Resta
BariViva.it

Un punto guadagnato: il Bari esce dal campo della Palmese con uno 0-0 prezioso, conquistato in 9 contro 11 per le espulsioni di Quagliata e Simeri nella ripresa. Partita non bella, lottata, che però avvicina i biancorossi al traguardo promozione. Restano sempre 11 i punti di vantaggio dalla Turris, bloccata sull'1-1 in casa del Castrovillari. «Una partita difficile, resa più difficile dalle due espulsioni - commenta il tecnico del Bari Giovanni Cornacchini a caldo. Resistere in 9; questa è l'unica cosa positiva. Nella ripresa le cose sono andate meglio, poi con 2 in meno era dura. Sono soddisfatto del punto. Sapevo che ci sarebbero state difficoltà, me ne ero reso conto dall'andata».

Pesano però le due espulsioni, una per l'entrata scomposta di Quagliata su Lavilla, l'altra per le proteste eccessive di Simeri. Due cartellini rossi diretti che costeranno squalifiche di almeno due giornate a testa. A sorprendere di più il gesto che ha portato al rosso dell'attaccante, evidentemente nervoso nello spezzone di partita giocato al posto di Pozzebon: «Simeri non sta giocando dall'inizio perché non si sta allenando a causa del problema alla coscia - ricostruisce Cornacchini. Per caratteristiche a noi serve moltissimo. Ha sbagliato. Il rosso a Quagliata è arrivato per un fallo involontario, anche l'arbitro aveva dato punizione a nostro favore all'inizio. Oggi non siamo stati fortunati. Anche in occasione del goal annullato l'arbitro forse ha visto dei blocchi che si fanno sempre in area».

Una formazione rimaneggiata per via di squalifiche e diffide. Nelle ultime ore anche la febbre alta per Brienza, che comunque ha giocato per un'ora: «Devo ringraziare Ciccio perché si è sacrificato con la febbre alta avuta nella nottata. Davanti abbiamo trovato una squadra organizzata; nel secondo tempo anche in 10 abbiamo creato qualcosina e potevamo fare male con Piovanello e Neglia. Quando si va a giocare contro i tre difensori le due punte devono uscire sui difensori. Ciccio non stava bene, ho preferito abbassarlo in mezzo al campo. Floriano e Neglia si invertono spontaneamente; fa parte del loro modo di giocare. Marfella? È stato decisivo come il loro portiere. Servono a quello. Sono contento del pareggio della Turris; mancano 6 partite, si accorcia».

Riccardo Resta
BariViva.it

Espulsi Quagliata e Simeri per i biancorossi che stringono i denti e portano via un punto prezioso

Una domenica di passione per il Bari, che esce dallo stadio Lopresti con uno 0-0 prezioso ottenuto contro la coriacea Palmese. Un risultato che alla vigilia poteva anche suonare come una delusione, ma per come si era messa è senza dubbio un punto guadagnato. Già, perché il Bari la chiude addirittura in 9 per le espulsioni dirette di Quagliata a inizio ripresa e di Simeri nel finale. Migliore in campo Marfella, decisivo nelle battute conclusive con un intervento sulla girata del pericoloso Ouattara. Un piccolo passo ma comunque molto importante per gli uomini di Cornacchini verso la conquista della promozione.

BariViva.it

Slider
previous arrow
next arrow
Slider