24/03/20 - Gdm - Il Bari va avanti con il 'fai-da-te' aspettando la fumata bianca

In questa sezione troverete in anteprima, tutte le news sul Bari. Una costante attività di ricerca di news h24. Le notizie sul galletto, prima passano da noi!

Moderatore: Moderatori

24/03/20 - Gdm - Il Bari va avanti con il 'fai-da-te' aspettando la fumata bianca

Messaggioda Lo Strillone » 24/03/2020, 13:01

Immagine



Resta complesso il momento dell’Italia, alle prese con il dramma dell’epidemia da coronavirus. Il Bari, però, prova a darsi speranza, a guardare avanti. A programmare, per quanto possibile e senza alcuna data certa, un futuro che contempli una ripresa dall’attività. Non a caso, tutto lo stato maggiore biancorosso è rimasto in città. Dal direttore sportivo Matteo Scala, al tecnico Vincenzo Vivarini, alla squadra al completo. Non è semplice vivere il quotidiano. Soprattutto per chi si ritrova in casa, lontano dai suoi cari. Tuttavia, il decreto del Consiglio dei Ministri ha decretato lo stop agli spostamenti proprio quando i galletti erano di ritorno da Catanzaro, quindi per molti è stato impossibile rientrare alle rispettive abitazioni.

Nel frattempo, la macchina organizzativa societaria non è, però, rimasta ferma. Il presidente Luigi De Laurentiis coordina le operazioni da Roma, in contatto quotidiano con i capi area: staff dirigenziale, tecnico e comunicazione. Gli allenamenti sono ovviamente fermi, in virtù dell’accordo siglato dalla Lega di serie C con l’Associazione italiana calciatori: lo stop è sicuro fino al prossimo tre aprile. In seguito, bisognerà capire se ci sono i presupposti per prorogare l’intesa, oppure se i singoli club saranno nella possibilità di organizzare le rispettive esigenze. Scontato, tuttavia, che, pur auspicando un miglioramento dell’emergenza sanitaria, non si possa pensare ad una ripresa a pieno regime. Da escludere lavori cumulativi, contatti con il pubblico, qualsiasi dinamica che possa comportare rischi per la salute.

Da non escludere, invece, una programmazione soft, con allenamenti suddivisi in mini gruppi da 7-8 calciatori che si alternerebbero tra lavoro in campo (a porte chiuse, quindi all’interno del San Nicola) ed in palestra. Una dinamica che potrebbe essere proseguita fin quando non si deciderà sull’eventuale ripresa dei campionati e sul periodo nel quale sarà possibile far allenare le squadre al completo. Nel frattempo, tuttavia, ai calciatori sono stati commissionati specifici regimi da seguire. Ogni atleta ha ricevuto una tabella personalizzata sulla dieta da rispettare, sulla cura dell’alimentazione e sull’attenzione al peso forma. Gran parte delle case in cui risiedono i ragazzi di Vivarini sono dotate almeno di un tapis roulant che consente di tenere sotto controllo la parte aerobica. C’è chi è riuscito ad arrangiarsi con degli elastici per il lavoro sulla forza, così come c’è chi ha recuperato dei pesi per svolgere il lavoro muscolare.

Proprio nelle scorse ore, peraltro, la proprietà ha provveduto ad un maxi ordine di bike da casa di ultima generazione per svolgere allenamenti più specifici. Bisognerà, però, capire se con le attuali restrizioni le consegne potranno effettivamente essere portate a compimento. Ad ogni modo, l’iniziativa conferma come il club non voglia lasciare nulla al caso pur di inseguire l’annunciato obiettivo della promozione. D’altra parte, la volontà dei vertici federali e delle stesse leghe è terminare i campionati rispettando i regolamenti vigenti. Per la serie C, in particolare, si è ipotizzata una ripresa (se le condizioni lo permetteranno) da progettare tra la prima e la seconda settimana di maggio: se così fosse, il campionato, tra svolgimento di regular season (nel girone C mancano otto turni), recuperi di tre giornate nei gruppi A e B e disputa della finale della Coppa Italia di categoria, terminerebbe la corsa dei playoff alla metà di luglio generando una situazione completamente nuova per il calcio italiano. Ovviamente è impossibile comprendere da ora se il progetto (comunque al livello embrionale) possa andare in porto. Così come sembra assodato che una prima fase della ripresa dovrà essere pensata preservando la salute del pubblico e quindi mantenendo la precauzione delle porte chiuse.

«Il primo pensiero è che passi l’emergenza sanitaria», ha dichiarato Mirco Antenucci nel corso del Tgr Rai. «Poi penseremo al calcio. Se davvero si dovesse giocare la parte decisiva della stagione tra giugno e luglio sarebbe una specie di rivoluzione e di certo non sarebbe semplice gestire il calcio. Ma non vogliamo certo farci condizionare da pensieri di tal genere. Perché se davvero si potrà tornare a parlare di calcio, sarà la più bella delle vittorie. Significherà aver battuto il virus, aver ritrovato la libertà ed i propri affetti. Ed è questo al momento il successo da inseguire. Nel caso, noi ci adatteremo alle nuove esigenze. E saremo ancora più determinati nel centrare il nostro obiettivo».

Gazzetta del Mezzogiorno
Lo Strillone
Avatar utente
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 7187
Iscritto il: 20/02/2011, 22:17

Re: 24/03/20 - Gdm - Il Bari va avanti con il 'fai-da-te' aspettando la fumata bianca

Messaggioda guerrierobiancorosso » 24/03/2020, 13:13

Sono certo che la società non lascerà nulla al caso.
#ForzaBariOraEsEmpre
guerrierobiancorosso
Non connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 19995
Iscritto il: 12/05/2011, 8:09
Località: cinisello balsamo

Re: 24/03/20 - Gdm - Il Bari va avanti con il 'fai-da-te' aspettando la fumata bianca

Messaggioda bepy77 » 24/03/2020, 15:17

nessuno vuole mollare nulla, forza ce la faremo
bepy77
Connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 9894
Iscritto il: 29/05/2012, 19:34


Torna a OBnews24 - Tutte le news sul Bari calcio

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Qwilfish e 17 ospiti