D. Marfella (Por, 1999)
A. Bellussi (Por, 1998)
R. Maurantonio (Por, 1981)
N. Turi (TD, 1998)
N. Aloisi 
(TD, 1999)
E. Bianchi (DC, 1999)
L. Cacioli (DC, 1982)
V. Di Cesare (DC, 1983)
G. Mattera (DC, 1983)
G. Quagliata (TS, 2000)
C. Nannini (TS, 1999)
A. Feola (M, 1992)
Z. Hamlili  (M, 1991)
F. Bolzoni 
(CC, 1989)
A. Mutti (CC, 2000)
E. Piovanello (CC, 2000)
C. Langella  (CS, 2000)
F. Brienza (Trq, 1979)
L. Liguori (AD, 1998)
P. Iadaresta (PC, 1986)
D. Pozzebon (PC, 1988)
S. Simeri (PC, 1993)
R. Floriano (AS, 1986)
S. Neglia (AS, 1991)

Nuova batosta per l’ex patron della Fc Bari Cosmo Giancaspro, attualmente agli arresti domiciliari. Il Tar del Lazio ha dichiarato inammissibili i ricorsi amministrativi proposti dalla Curatela del Fallimento Società Football Club Bari 1908 Spa e da F.C. Bari 1908 Spa per contestare il mancato rilascio della licenza nazionale con conseguente non ammissione al campionato di Serie B di calcio 2018/2019.

A comunicarlo l’Ansa con una nota stampa. Il Tar del Lazio, con un’unica sentenza, ha unito le motivazioni di entrambi ricorsi. Per quanto concerne il ricorso proposto dalla Curatela fallimentare della F.C. Bari, il Tar ha rilevato che “la mancata impugnativa nei termini della determinazione della Co.Vi.So.C. determina l’inammissibilità del ricorso avanti al Collegio di Garanzia. Per quanto riguarda il ricorso proposto dalla F.C. Bari, il Tar ha evidenziato che “a seguito del Fallimento dichiarato a gennaio 2019, il ricorso della società è inammissibile per carenza di capacità processuale in capo alla suddetta società”.

Radio Biancorossa

Il Bari chiama, Leonar Pinto a fine mese lascerà lo Spezia Calcio
Da undici anni responsabile comunicazione, il 40enne è pronto a riavvicinarsi a casa. Gli succederà Gianluca Parenti.
La Spezia - Chiamatelo veterano, che a male non se ne avrà. Leonar Pinto, responsabile comunicazione dello Spezia Calcio, sarebbe in procinto di lasciare il club in cui ha lavorato negli ultimi undici anni. Con la fine di giugno, dovrebbe infatti finire anche la sua lunghissima avventura da dipendente aquilotto. Alle viste la chiamata del Bari, rinato per mano di Aurelio De Laurentiis. A quarant'anni appena compiuti, per Pinto c'è dunque l'occasione di avvicinarsi a casa essendo nativo di Fasano in provincia di Brindisi.
Spezzino ormai d'adozione, essendo arrivato nel 2008 contestualmente alla nascita dello Spezia Calcio di Gabriele Volpi. Dalla serie D fino alle porte della serie A, sfiorata per cinque volte, Pinto è oggi una delle memorie storiche di questa età dell'oro del club di Via Melara. Dalla sede del Picco, passando per quella di Via Locchi e fino alla grande opera del Ferdeghini (poi Ferdeghini-Intels), ha vissuto i tanti mutamenti in seno alla società sempre al suo posto. Domani non sarà alla conferenza di presentazione del nuovo tecnico aquilotto Vincenzo Italiano, non per l'addio ma per prendersi qualche giorno di ferie insieme alla compagnia Lucia. A fine mese, con la scadenza del contratto, il momento della probabile separazione. A succedergli, in maniera naturale, sarà Gianluca Parenti che fino ad oggi ha svolto la funzione di addetto stampa.

Andrea Bonatti

In attesa che vengano ufficializzate le date del prossimo ritiro del Bari in Trentino, il club biancorosso è già al lavoro per pianificare le amichevoli estive.

Secondo indiscrezioni raccolte in esclusiva dalla nostra redazione, la squadra di Cornacchini affronterà la Fiorentina in quel di Moena, mercoledì 17 luglio alle ore 17.

Un appuntamento suggestivo per il Bari che torna ad affrontare il club viola dopo due anni. Nel luglio del 2017, sempre a Moena, Micai e compagni fermarono i viola sull’1-1. Per i biancorossi andò in goal Improta, per i viola Baez.

Nicola Lucarelli

Radio Biancorossa

La SSC Bari comunica che in data 12 giugno 2019 presso la sede della Filmauro s.r.l., con atto ai rogiti del notaio Dottoressa Fabiana Togandi – in ottemperanza ai principi previsti dalla legge n.91/1981 e visto l’accesso della società al settore professionistico della F.I.G.C – è stata trasformata in Società per azioni. 
La nuova denominazione sociale è Società Sportiva Calcio Bari S.p.A. (per brevità S.S.C. Bari S.p.A.) e l’Amministratore Unico è il dottor Luigi De Laurentiis.

A rendere pubblica la notizia la stessa Ssc Bari con una nota diffusa a mezzo stampa e sui propri canali social.

Radio Biancorossa

La prima infornata di acquisti potrebbe essere definita entro la prossima settimana. Ha lavorato sottotraccia, lo stato maggiore del Bari. Ma quattro-cinque colpi sono ormai vicinissimi all’ufficialità. Tomasz Kupisz, innanzitutto. Il club biancorosso ha raggiunto un’intesa sulla parola con il 29enne polacco che al momento si trova in vacanza all’estero. Reduce da una stagione trascorsa tra Ascoli (detentore del suo cartellino) e Livorno, sul calciatore transitato anche da Chievo, Cittadella, Brescia, Novara e Cesena si è posata anche l’attenzione di Pescara e Spezia. Tuttavia, il sodalizio pugliese è in netto vantaggio: l’intenzione è rilevare Kupisz a titolo definitivo facendogli sottoscrivere un vincolo biennale. Esterno per vocazione, ha ormai sviluppato conoscenze che gli permettono di disimpegnarsi anche da mezzala e persino da terzino. Si tratta di una pedina utile sia nel 4-3-3, sia nel 4-4-2, ovvero i due moduli che intende sviluppare il tecnico Giovanni Cornacchini.

A un passo è pure Anton Kresic, difensore centrale dotato di un fisico davvero imponente (198 centimetri per 83 kg). Di proprietà dell’Atalanta, ha vissuto gli ultimi quattro campionati tra Trapani, Avellino, Cremonese e Carpi. 23 anni, ha svolto la trafila di tutte le nazionali giovanili croate, collezionando presenze dall’under 15 fino all’under 19. Anche in questo caso, l’accordo è pressoché concluso, ma resta da appurare la formula della sua acquisizione: il Bari potrebbe tesserarlo a titolo definitivo se entro il 30 giugno non rinnoverà il vincolo con i bergamaschi. In caso contrario, potrebbe arrivare in prestito, ma occuperebbe una delle sei caselle riservate alle operazioni a titolo temporaneo fattibili con squadre di categoria superiore. Una trattativa concreta porta pure a Gaetano Letizia, laterale difensivo che compirà 29 anni il prossimo 29 giugno. Esploso nel Carpi con cui ha militato per cinque tornei, ha giocato nel Benevento gli ultimi due campionati. Ai campani è legato fino al 2020 e proprio la durata del contratto è uno dei nodi da sciogliere con il Bari che vorrebbe proporgli un biennale, mentre l’entourage del terzino spinge per un legame più lungo. Letizia in C sarebbe davvero un lusso: corsa, progressione, aggressività ne fanno un laterale completo, in grado di disimpegnarsi da terzino puro o da laterale di centrocampo sia a destra, sia a sinistra. Nei radar sono sempre inseriti Alessio Sabbione e Manuel Scavone.

Difensore polivalente il primo, 27 anni, può giocare da centrale, terzino ed anche mediano davanti alla difesa. La sua avventura al Carpi sembra terminata, sebbene il contratto scada nel 2021: se il Bari dovesse affondare il colpo, non dovrebbe avere difficoltà a chiudere l’affare. Scavone sarebbe invece un ritorno, dopo l’esperienza nel 2011-12: 32 anni, mezzala d’ordine con buone doti di inserimento, è sicuramente oggetto di interesse, sebbene permanga l’incognita sulla lunga inattività dovuta all’incidente subito lo scorso febbraio in Lecce-Ascoli. In Salento, quindi, si è consumata la sua ultima esperienza, ma ora tornerà al Parma che ne detiene la proprietà.

Una volta disputato il ritorno del playoff tra Piacenza e Trapani, scatterà l’assalto al centrocampista Francesco Corapi, 33 anni, in forza al club siciliano. Per caratteristiche è un elemento utile alla mediana biancorossa poiché possiede doti di regia ed impostazione, senza disdegnare spirito di sacrificio. Movimenti in corso si registrano anche in attacco: si insiste in particolare per Franco Ferrari, 23 anni, ariete d’area di proprietà del Genoa che potrebbe girarlo al Bari in prestito. Attraverso il Napoli, invece, potrebbe arrivare Dany Mota Carvalho, 21enne portoghese in forza alla Virtus Entella: i partenopei potrebbero acquistarlo e girarlo in prestito al Bari. Con i liguri ha conquistato la promozione contribuendo con 13 gol. Sullo sfondo restano «top» quali il portiere Pierluigi Frattali e l’esterno Yves Baraje, entrambi del Parma: l’interesse è vivo, ma perché i dialoghi entrino nella fase decisiva occorrerà ancora un po’ di pazienza.

Gazzetta del Mezzogiorno

Slider
previous arrow
next arrow
Slider