D. Marfella (Por, 1999)
O. Syaluis (Por, 1999)
N. Aloisi (TD, 1999)
M. Gioria (TD, 2000)
L. Cacioli (DC, 1982)
V. Di Cesare (DC, 1983)
G. Mattera (DC, 1983)
L. D'Ignazio
(TS, 1998)
C. Nannini (TS, 1999)
A. Feola (M, 1992)
Z. Hamlili  (M, 1991)
F. Bolzoni 
(CC, 1989)
A. Mutti (CC, 2000)
E. Piovanello (CC, 2000)
N. Rozzi (CC, 2000)
C. Langella  (CS, 2000)
F. Brienza (Trq, 1979)
M. Bollino 
(AD, 1994)
L. Liguori (AD, 1998)
D. Pozzebon (PC, 1988)
S. Simeri (PC, 1993)
R. Floriano (AS, 1986)
S. Neglia (AS, 1991)

Un tuffo nel passato: il Bari in D, che effetto le fa?
“Mi piange il cuore. Ma negli ultimi anni ci sono state due proprietà non all’altezza. Il Bari riparte da zero. Meno male che il sindaco ha dato la squadra a De Laurentiis”.

Quante volte è stato vicino al ritorno a Bari?
“Tante volte. Ma non ci sono mai stati i presupposti. Quando mi hanno chiamato avevo già preso degli impegni. Mi è dispiaciuto non essere tornato. Ma vuol dire che era giusto così. Bari ce l’ho nel cuore, è speciale”.

Tmw

Brillante vittoria del Bari all'esordio al San Nicola nel campionato di Serie D: i biancorossi travolgono 4-1 i siciliani della Sancataldese, con doppietta di Neglia e le reti di Floriano e Piovanello. Soddisfatto nel post gara il mister Giovanni Cornacchini, che spende parole al miele per gli 11.000 tifosi accorsi allo stadio per una gara di Serie D: «L'effetto è bellissimo, un pubblico così caloroso fa sempre piacere - ammette il mister. La piazza è matura; nei primi minuti ci sono state delle difficoltà e ci hanno sostenuto e non fischiato. Abbiamo il dovere di vincere il campionato ma gli ostacoli ci saranno sempre; le squadre che vengono qui daranno il 110%. L'aiuto del pubblico è troppo bello, i ragazzi in campo si sono accorti del calore di questi tifosi. Nel momento in cui abbiamo acceso la miccia ho visto tanto entusiasmo; anche all'inizio ascoltare l'inno cantato da tutto lo stadio ci ha caricati. Il potenziale della piazza è enorme; alla base c'è una società forte, ambiziosa e il connubio fra queste due componenti può farci divertire».

Una partita dominata dopo un avvio un po' contratto: «La Sancataldese ha qualità, giocatori ottimi e scendere su questo campo contro il Bari è più facile dal punto di vista della prestazione - spiega Cornacchini. Gli avversari hanno giocato una buona gara, ma noi nel primo tempo eravamo lunghi. Per questo ho messo un trequartista fra le linee per accorciare le distanze. Abbiamo sofferto un po' il caldo, qualcuno non stava benissimo perché la condizione fisica è normale che non sia al top».

Bene gli under schierati dal mister, come è d'obbligo in Serie D, anche se l'allenatore biancorosso è pronto a vestire i panni del pompiere e spegnere i facili entusiasmi: «Langella è un centrale di ruolo e da mezz'ala è sembrato in difficoltà fisica. Piovanello è un esterno ma ha la gamba per fare l'interno di centrocampo. Devono giocare e devono farlo in posizioni che non sono loro perché in avanti c'è tanta concorrenza e lo spazio per loro sarà poco. Le problematiche dei giovani le conosciamo: dobbiamo aspettarli e farli crescere. Come gli allenatori devono fare meno danni possibile».

Il prossimo avversario sarà il Bitonto in Coppa Italia; si preannuncia ampio turn-over e spazio per «Brienza, che contro il Bitonto giocherà sicuramente. Ha talmente tanta qualità che, tranne da esterno, può giocare ovunque. In avanti posso cambiare tutto; ho tanti giocatori e posso fare turn over».

Bariviva.it

Lo Strillone
Avatar utente
Connesso
M'briak
M'briak
 
Messaggi: 4481
Iscritto il: 20/02/2011, 22:17

Grande protagonista della gara è stato Samuele Neglia, autore di due reti molto belle, soprattutto la seconda in collaborazione con Floriano. «Il secondo goal - dice Neglia nel post gara - è arrivato da un'azione sviluppata bene con Floriano, che ha fatto una gran cosa sulla fascia. Io mi sono trovato lì; è stato puro istinto. Stavo giocando da tre quarti, ho servito la seconda palla a Floriano, poi ho seguito l'azione ed è andata bene. Tutti vogliamo segnare, anche se l'importante è vincere».

Attaccanti in grande spolvero, ma è stata un'altra bella vittoria di un gruppo che si sta conoscendo pian piano ma che già sta trovando le giuste intese. «Quando ti trovi in una piazza del genere l'obiettivo è collettivo più che individuale. Bisogna ragionare tutti insieme; oggi ho fatto io due goal, la prossima capita a un altro. l'importante è raggiungere tutti insieme l'obiettivo», continua l'ala biancorossa, autore della prima rete del Bari in Serie D, sotto la curva Nord. «Ci ho pensato durante la settimana, per fortuna è andata bene - ammette l'11. Regalare gioia a questa gente che era qui per il Bari è pazzesco. L'importante era sbloccare la partita; le motivazioni le avranno ogni volta anche gli avversari che verranno a giocare in uno stadio così».

Il Bari è già primo in solitaria a punteggio pieno, ma Neglia non sembra intenzionato a far calare la tensione: «Non abbiamo guardato i risultati; pensare alla classifica dopo due giornate è riduttivo, a maggior ragione in un campionato lungo con campi difficili. Dobbiamo mantenere i piedi per terra anche se la nostra piazza non ha nulla a che vedere con la Serie D».

Bariviva.it

Troppo Bari per questa serie D. Sono bastate due giornate per certificare quello che sembrava evidente ma non era scontato. Davanti a 12mila spettatori, i biancorossi hanno battuto per 4-1 i siciliani della Sancataldese. A segno Neglia (doppietta), Floriano e Piovanello, ma ciò che spicca è la netta superiorità del Bari che, dopo qualche incertezza iniziale, ha giocato davvero in scioltezza contro un avversario che non si è tirato mai indietro.

La Sancataldese non ci sta a passare per la vittima sacrificale della domenica e lo fa capire subito. L’atteggiamento della squadra siciliana è tutt’altro che rinunciatario tanto che al quarto minuto Lo Giudice in rovesciata mette alto da posizione ravvicinata e al quarto d’ora Costanzo va vicinissimo al gol sottomisura su angolo del sempre pericoloso Ficarrotta. La qualità nel palleggio dei biancorossi è di un’altra categoria, ma per vedere un’azione davvero pericolosa bisogna attendere il minuto 17: cross dalla destra di Neglia, Simeri Liscia e Floriano spara sul portiere. Col passare dei minuti sale in cattedra l’ex Foggia: prima ara tutta la fascia servendo Simeri che commette fallo sul portiere ospite, poi alla mezzora inventa un filtrante splendido per Neglia che da posizione defilata beffa Franza: è 1-0. Sempre i due attaccanti esterni biancorossi sono i protagonisti del raddoppio al minuto 40. Neglia quasi “ruba” il pallone a Floriano dopo una splendida serpentina e insacca con un preciso tiro a giro. All’intervallo il Bari ha già una grossa ipoteca sul match.

A inizio secondo tempo gli uomini di Cornacchini provano subito a mettere in cassaforte la partita: lancio di Langella, Simeri e Neglia sono in offside, non Floriano che, tutto solo, supera il portiere ospite e mette dentro il secondo gol stagionale. Il Bari potrebbe quindi giocare in scioltezza il resto della gara ma si complica la vita da solo. Intervento ingenuo di Mattera che atterra Ficarrotta in area: sul dischetto va lo stesso numero 10 della Sancataldese che batte Marfella. Difficile però riuscire a fare di più contro un Bari che a tratti sembra non voler infierire. Nuova linfa alla spinta offensiva biancorossa la danno i nuovi entrati, in particolare Pozzebon, che prova il tiro da qualsiasi posizione, e Piovanello che trova il suo primo centro personale con una rocambolesca conclusione dopo l’assist di Bollino. Bari primo in classifica a punteggio pieno.

PAGELLE

BARI (4-3-3): Marfella 5.5; D’Ignazio 6 Mattera 6 Cacioli 6 Aloisi 6; Bolzoni 6.5 (Feola s.v.) Hamlili 6.5 Langella 6.5 (Piovanello 6.5); Neglia 7.5 Floriano 7.5 (Bollino 6) Simeri 5.5 (Pozzebon 6)

SANCATALDESE (4-3-3): Franza 5.5; Florio 6 Maimone 6 Di Stefano 6 Di Marco 6; Zappala 6 Condorelli 6 Costanzo 6; Lo Giudice 6 Ficarrotta 6.5 Giarruso 5.5

Bari.ilquotidianoitaliano.it

Immagine
Diversi anni fa, nel corso di una manifestazione dedicata al Bari, mi venne chiesto: "Qual è il tuo sogno professionale?"

La mia risposta fu: "Il mio sogno è realizzare una radio che parli del Bari h24, come accade a Roma". Per molti una cosa irrealizzabile.

Ebbene, quel sogno ora si è realizzato. Nasce oggi RADIO BIANCOROSSA, il network dei tifosi del Bari.

Un network dedicato al Bari che proporrà trasmissioni e approfondimenti. Ovviamente si partirà con la trasmissione che per tre anni ha raccolto tanti consensi e che da settimane reclamate: TANTO NON CAPIRAI. Con me, come ormai da 3 anni, anche Luca De Letteriis.

Ma come e dove si ascolta RADIO BIANCOROSSA? Come potete notare dalla locandina ci saranno ben 4 modalità.

1. WEBRADIO. Utilizzeremo la piattaforma spreaker e ogni qual volta saremo in onda avrete un link per seguirci in diretta streaming.

2. Tramite APP. Basterà scaricarsi sul telefono l'applicazione di Spreaker e, una volta aperta, cercare nella barra di ricerca RADIO BIANCOROSSA.

3. Su ORGOGLIOBARESE.IT Già, il nostro sito non poteva non essere una delle modalità d'ascolto. Basterà andare sulla homepage del sito (www.orgogliobarese.it) e troverete un player per ascoltare RADIO BIANCOROSSA.

4. Su FACEBOOK. Ma per questa rivoluzionaria possibilità dovremo attendere qualche giorno.

E allora, benvenuta RADIO BIANCOROSSA e bentornato TANTO NON CAPIRAI che riprenderà LUNEDì 24 settembre dalle ore 14 alle 14.45. Quindi cambio d'orario, ma sempre prima di tutti.

Partiamo a fari spenti e in totale autoproduzione, ma siamo comunque aperti a partnership e sponsorizzazioni. Ma per il nostro Bari siamo disposti a tutto.

Infine ringrazio tutti coloro che ci stanno supportando a partire da 'F2 lab freelancers' per la parte grafica e TREEHOUSE LAB per la parte tecnica.

Nicola Lucarelli

Slider